Parquet Wengè: Come utilizzarlo

Parquet Wengè

Il Parquet Wengé: Perchè comprarlo?

Il parquet wengè si presta a infiniti usi, dai più moderni ai più classici. Questo pavimento, infatti, è composto da legno proveniente dalle foreste tropicali africane.

La principale caratteristica del parquet wengè è la sua tonalità scura, un marrone bruno che tende anche al nero. In realtà, il legno wengè può avere tonalità più chiare, con venature anche di colore bianco o giallo.

Queste ultime dipendono dalla colorazione e dalle dimensioni di due parti del tronco: l’alburno e il durame. Il primo presenta, solitamente, una colorazione biancastra, mentre il secondo, una colorazione scura tendente al nero o al viola. Le eventuali striature gialle dipendono invece dalla presenza di sostanze minerali all’interno del tessuto legnoso.

Grazie a questa sua particolare colorazione, il parquet wengè si può quindi utilizzare su qualsiasi ambiente, dal più rustico al più minimalista.

Caratteristiche

Odeon_Zefiro

 

La colorazione scura del pavimento in wengè non è solo uno dei principali motivi per utilizzarlo nelle nostre case. Ce ne sono altri, tra cui la durezza e la resistenza a calpestio, umidità e usura. Tra queste caratteristiche, la più degna di nota è la durezza. L’albero  da cui proviene il legno wengè non è altro che una quercia.

Come tutte le querce,  il legno di quercia wengè è estremamente duro e resistente anche alle stesse operazioni di taglio.  Per facilitarle, spesso si usa un procedimento di vaporizzazione, che ammorbidisce il legno e lo rende più lavorabile.

Tuttavia, proprio per la sua durezza,  il wengè è ideale per pavimenti sottoposti a intenso calpestìo. Quindi, meglio utilizzarlo su superfici caratterizzate da intenso camminamento ed eccessive sollecitazioni.  Attenzione però a non calpestarlo con scarpe sporche o a riversarvi sopra liquidi e sostanze che macchiano.  La durezza del wengè è infatti un’arma a doppio taglio. Sulla superficie del parquet wengè, infatti, le macchie sono molto più difficili da rimuovere.  Lo strofinamento eccessivo, inoltre, può causare scolorimento delle venature, schegge  e aloni.

Pertanto,  bisognerebbe non utilizzare e non posare un parquet wengè  su aree troppo calpestate. Quindi, come e dove utilizzarlo? Prima di rispondere alla domanda, bisogna sapere che questo pavimento in legno  è anche molto resistente ai parassiti e all’umidità.

Tende a non assottigliarsi con l’eccessivo calore solare e con l’aria secca e a non gonfiarsi con l’umidità. Queste importanti caratteristiche, lo rendono ideale per aree ben esposte al sole e per quelle ombrose e umide. Una delle più umide in assoluto è la stanza da bagno.  Il parquet wengè può,  quindi,  essere usato anche su questa stanza,  con ottimi risultati pratici ed estetici.

Come Utilizzarlo

Si consiglia di utilizzarlo su aree caratterizzate da pareti e arredi di colore chiaro e di posarlo tramite incollaggio. Con un legno così scuro, conviene sempre abbinare pareti e mobili di colore chiaro. Magari non proprio di colore bianco (che tende a sporcarsi facilmente), ma color tortora o avorio.  Il parquet wengè si può usare anche con pareti dai colori più scuri, come il rosso o l’arancione.

Una simile combinazione di colori è in grado di donare calore e stile a qualsiasi tipo di ambiente, sia classico che moderno.  Per non rendere l’ambiente troppo cupo, però, meglio spezzare la continuità di colore con soffitto bianco e con arredi in wengè sbiancato.   Per quanto riguarda la posa, quella incollata è il metodo migliore per utilizzare il parquet wengè. Da evitare la posa a incastro o flottante.

Per la sua estrema  durezza , infatti, il pavimento in legno wengè tende a non essere troppo stabile con una posa flottante.  Sempre a causa della durezza, meglio optare per un parquet prefinito, ovvero  verniciato o levigato prima della posa.  La finitura prima della posa rende il parquet wengè più resistente allo sporco e più semplice da pulire.

Il pavimento in wengè grezzo o naturale, invece, potrebbe scheggiarsi.  Ma è proprio l’usura a rendere  il legno grezzo ideale per ambienti rustici o vintage.  In caso di superficie scheggiata,  basta passare sopra un bastoncino di cera, dello stesso colore del wengè, in modo da nascondere i solchi causati dalle schegge.

Non tutti amano il wengè, specie su un pavimento in legno. In realtà, chi sceglie il wengè lo fa per una questione di stile e non per una moda passeggera. Tra i pavimenti in legno, il wengè è quello più durevole e che si presta, come già detto,  a infiniti utilizzi. Non solo, il parquet wengè si può trattare anche a distanza di anni, per renderlo completamente differente da come era all’inizio.

Procedimento di verniciatura e levigatura

INTARSI_Intrecci-FEATURED2-1

Con un procedimento di verniciatura e levigatura, infatti, il wengè può essere sbiancato per assumere tonalità più soft e meno decise o addirittura per diventare bianco.

Per sbiancare un parquet wengè già in uso, bisogna levigare la superficie e stuccare le venature più esterne. Questa operazione è fondamentale quando si decide di passare dal wengè scuro a quello bianco.  Anche senza scelte così drastiche, il parquet wengè si può utilizzare nella sua tonalità classica, ovvero marrone scuro, da abbinare con pareti e arredo chiaro. In tal caso, si può utilizzare e posare anche il modello a quadrotte, con tavole 12x12cm. Il parquet wengè a quadrotte va utilizzato con molta attenzione, perché, spesso, le quadrotte sono in laminato, ovvero finto legno composto in parte da truciolato legnoso.

Come utilizzarlo per uno stile più tradizionale

Odeon_Featured2_01

Per uno stile più tradizionale, si possono usare  i listoni, tavole rettangolari medio-grandi in legno massello.  Il parquet wengè massello è composto esclusivamente da un ‘unica essenza, ricavata da diversi tronchi di legno wengè.  Oltre a una maggiore resa estetica e resistenza, questo tipo di parquet ha un fascino unico e inimitabile.

I nostri modelli sono in vero legno wengè pregiato, da poter usare su qualsiasi progetto di design, abitativo e non.  I listelli e i listoni possiedono le certificazioni che ne garantiscono la qualità e l’assenza di emissioni dannose per la salute. Un parquet in legno  pregiato non rilascia mai formaldeide.

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Informativa sulla Privacy:
ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003 ed alla Privacy Policy di Almafloor.it si informa che con l’invio del presente modulo si autorizza Giorio srl al trattamento dei dati personali riportati nel modulo stesso con le modalità e nei termini dell’informativa resa.

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Informativa sulla Privacy:
ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003 ed alla Privacy Policy di Almafloor.it si informa che con l’invio del presente modulo si autorizza Giorio srl al trattamento dei dati personali riportati nel modulo stesso con le modalità e nei termini dell’informativa resa.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato su tutte le nostre novità!