La Guida Completa Al Pavimento In Legno Per La Tua Casa

Pavimento In Legno

Il pavimento in legno o di legno è una soluzione d’arredo sempre più apprezzata dai consumatori.  Tutti lo vogliono, perché è naturale ed ecologico. Se anche tu cerchi di arredare la tua casa con un vero pavimento in legno, allora leggi la nostra guida completa.

CARATTERISTICHE DEL PAVIMENTO IN  LEGNO

Amburgo_Featured2_01

Il pavimento in legno è un rivestimento composto da tavole o moduli in vero legno. Le tavole, chiamate anche doghe,  possono avere un differente spessore o una diversa larghezza e lunghezza.  In genere, le tavole possono avere la forma di listelli, listoni o quadrotte. I primi due hanno una forma rettangolare,  gli ultimi, invece, quadrata.

I listelli, però, sono stretti e lunghi,  mentre i listoni  hanno una lunghezza e larghezza maggiore e vengono usati per pavimentare superfici di grandi dimensioni.

Un pavimento di legno può essere in monostrato o multistrato. Nel primo caso, le tavole sono composte da un’unica essenza di legno nobile (legno pregiato), che può raggiungere anche uno spessore di 18-20 millimetri.

Il multistrato, al contrario, è  un pavimento in legno composto da due, o tre strati, tenuti assieme da un supporto. Solo il primo strato è in legno nobile.  Il supporto, invece,  può essere in legno di betulla,  abete, pioppo,  frassino e pino.

Le ultime due essenze di supporto sono usate per pavimenti in legno più economici. Nell’ambito del pavimento in legno, monostrato e multistrato,  si parla anche di parquet.

La certezza assoluta di avere un pavimento in vero legno si ha solo quando si parla di parquet. Il parquet è infatti un pavimento in legno in cui lo spessore minimo dello strato in legno nobile deve essere di 2,5 millimetri.  Spessori inferiori non possono definirsi parquet.  Di conseguenza,  il pavimento di legno, con un solo strato di legno nobile, superiore a 2,5 mm,  è anche un parquet.

PARQUET TRADIZIONALE E PARQUET PREFINITO

I pavimenti in legno si dividono in due grandi categorie: parquet tradizionale (o massello) e parquet prefinito.  Quest’ultimo viene lavorato prima della posa.

Nel parquet tradizionale, invece, le tavole vengono lavorate dopo la posa e sono composte da un’unica essenza di legno.  Di solito, i trattamenti subiti dal pavimento in legno tradizionale sono ridotti al minimo, per esaltare e mantenere tutta la naturalità del vero legno.

In passato, infatti, questo tipo di parquet veniva usato per  la pavimentazione dei fabbricati industriali. In seguito,  si è diffuso anche nell’edilizia privata. Il parquet tradizionale può essere anche in legno massiccio, che viene ricavato da un solo tronco, mentre il legno massello viene ricavato da più tronchi.

TRATTAMENTI

Colosseo_Featured2_01

I trattamenti possono servire a esaltare le venature del legno, a lucidarlo, colorarlo o farlo sembrare come nuovo.  Il pavimento di legno prefinito può essere infatti verniciato, cerato, oliato, colorato, piallato, levigato,  decapato, spazzolato e invecchiato.  Verniciatura, ceratura e oliatura rendono il legno lucido e come nuovo.

Le vernici però sono chimiche, mentre olio e cera, oltre a essere naturali, mantengono inalterata la naturalità del legno. Questi trattamenti si effettuano anche periodicamente, dopo aver pulito il parquet con prodotti idonei.

La colorazione serve a dare al pavimento in legno la tonalità di colore scelta. Basti pensare, ad esempio, al pavimento in rovere sbiancato, in cui le tavole scure del rovere, sono colorate di un bianco intenso e brillante.

La piallatura serve ad assottigliare e levigare le tavole di legno per farle sembrare meno ruvide. La levigatura,  a sua volta,  rende la superficie del legno uniforme e senza nodi. La decapatura è un trattamento che serve a creare delle venature chiare sul legno scuro.

La spazzolatura , invece,  rimuove lo strato superficiale del legno per renderlo più  ruvido e naturale.  Il trattamento per far invecchiare il legno, infine, è un lavoro prettamente artigianale che serve a dare al parquet un aspetto rustico e anticato.  Tra l’altro, si parla molto anche di pavimento in legno antico, legno naturale e ad effetto naturale.

PAVIMENTO IN LEGNO ANTICO, NATURALE E AD EFFETTO NATURALE. DIFFERENZE

Il pavimento in legno antico è composto da tavole ricavate dalla demolizione di vecchi edifici o tetti in legno.  Per tale motivo, questi materiali vengono anche chiamati “legno di recupero”.

Si tratta di una soluzione che evita l’uso intensivo dei tronchi degli alberi.  Il pavimento in legno naturale, invece, ricavato da tronchi di alberi caduti, è un parquet non trattato. L’assenza di trattamenti serve a mantenere tutte le caratteristiche del legno, ovvero nodi, venature e differenze di colore.

Il pavimento in legno a effetto naturale è  invece un parquet lavorato e trattato per sembrare naturale.

Esiste anche il parquet “effetto legno”, ma tale definizione è  impropria, perché si tratta di un pavimento in finto legno o in laminato.

In tal caso, avremo un pavimento multistrato composto da  resine plastiche e supporti in fibra di legno, detta anche  mdf e hdf.  Questa tipologia di pavimento può anche rilasciare sostanze dannose per la salute.

ESSENZE

Il pavimento di legno può essere realizzato con varie essenze. Le più usate sono il rovere, il wengè,  l’acero,  l’acacia, il larice, il frassino, il teak, il noce,  il ciliegio e l’abete. Alcune essenze sono molto chiare, come  acero,  larice e  frassino.

Le essenze rosse sono invece  il ciliegio, l’acacia e l’abete. Le essenze scure sono  il rovere,  il noce e il teak (ideale per l’esterno).  Il wengè, infine , è un’essenza molto scura, quasi nera.

POSA

Odeon_Featured2_01

Il pavimento in legno può essere posato on chiodi, viti, colla o con posa flottante.

La posa con chiodi e viti è adatta al parquet tradizionale in legno massello. L’effetto di questa posa è assolutamente naturale,  l’unico svantaggio è che i chiodi possono causare sul legno scricchiolii fastidiosi. In alternativa, si possono usare le viti, ma non è detto che il problema dei rumori si risolva.

Infatti, la cosiddetta posa inchiodata viene effettuata su fondo cementizio (massetto) e su tavole di supporto chiamate magatelli.

La posa con colla riduce i rumori di fondo del parquet e si può usare per parquet tradizionale o prefinito. La posa flottante, o a incastro, è in assoluto la più diffusa e si può  effettuare sia su massetto che su pavimento preesistente. In  questa posa, le tavole sono dotate di incastri autobloccanti maschio e femmina.

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Informativa sulla Privacy:
ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003 ed alla Privacy Policy di Almafloor.it si informa che con l’invio del presente modulo si autorizza Giorio srl al trattamento dei dati personali riportati nel modulo stesso con le modalità e nei termini dell’informativa resa.

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Informativa sulla Privacy:
ai sensi dell’art.13 del D.Lgs. 196/2003 ed alla Privacy Policy di Almafloor.it si informa che con l’invio del presente modulo si autorizza Giorio srl al trattamento dei dati personali riportati nel modulo stesso con le modalità e nei termini dell’informativa resa.

Newsletter

Subscribe to the newsletter and be updated on all our new products!


Newsletter

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato su tutte le nostre novità!